Sandali in suede nera Cinti SS 2014

A primavera è liberatorio giocare con i colori pastello, osare con abbinamenti insoliti e lasciarsi andare a mix&match di fantasie particolari, ma io amo troppo il nero per abbandonarlo del tutto. Dopo giorni dedicati a scarpe colorate oggi voglio mostrarvi un bellissimo paio di sandali in suede nera Cinti; il modello ricorda nelle forme le proposte di Jimmy Choo,ma questi per fortuna costano meno. Devo dire però che sono comodissimi, con il passaggio ai sandali di solito soffro parecchio, ma quando ho messo queste meraviglie non ho avuto problemi, i listini sono molto morbidi.

Ho scattato le foto di questi sandali in suede con Cristina poche ore fa e vi confesso che sono stata indecisa sul look fino all’ultimo momento, ma poi l’abbinamento con questa gonna lunghissima nera ha vinto sulle altre opzioni; mi piace lo spacco laterale che consente di mostrare le scarpe e le gambe, e allo stesso tempo alleggerisce l’impatto con l’incrocio di listini che compone la tomaia.

sandali in suede

cinti estate 2014

sandali cinti collezione 2014

Ultimamente impazzisco per i sandali in suede di questo genere, ne ho preso anche un paio dorato che vi mostrerò presto, molto simile a questo modello di Steve Madden; sto iniziando a  preferire l’effetto vedo/non vedo creato con i giochi di intrecci ai classici modelli nudi e un po’ sfacciati., ogni tanto è bello cambiare, soprattutto perché giustifica lo shopping!

DSC05320

DSC05315

Sandali: Cinti

Gonna: Tally Weijl

Mid Finger Ring: Bijoux Brigitte

Smalto: Collistar Rosso Lacca e Essie Ballet Slippers

 

 

36 thoughts on “Sandali in suede nera Cinti SS 2014

  1. Hai ragione ottima giustificazione per fare shopping…wow mi piacciono troppo questi sandali perfetto l abbinamento con la gonna lunga con spacco. Io il sandalo nero lo trovo affascinante ed elegante! Baci Elisabetta

  2. Li adoro, ma quanto li adoro? Sono stupenderrimi e la gonna è un abbinamento perfetto! Quante belle foto ti ho fatto, dovevi metterne di più! ^_-

  3. Questa proposta Cinti mi piace davvero tantissimo, se ci fossero anche in altri colori ci farei di sicuro un pensierino! Complimenti Shoe per l'ottimo abbinamento e a Cristina per le foto… avete un dono naturale!!! 🙂

  4. Due cose … peccato non vederti tutta intera per poter meglio apprezzare questo splendido outfit … ma lo smalto delle mani diverso da quello dei piedi proprio no … cartellino giallo!!!!!

    1. Ti ringrazio del commento, ma sono troppo anarchica per sottostare ad una regola del genere, soprattutto quando si tratta di un "non colore" abbinato invece ad un rosso intenso, quindi ti annuncio che accadrà di nuovo 🙂

      1. le donne "anarchiche" sono sempre le più interessanti, anche perché sono loro che declinano gli stili.
        Personalmente l'abbinamento lo avrei trovato altrettanto gradevole, ma avrebbe dato un altro tono; ok per me anche "the difference in colors" 😉

        A.

        1. Ma sì, se mi va abbino, se non mi va non abbino, faccio un po' come mi pare, come in tutto il resto! Non mi piacciono i due colori netti diversi, quello non lo farei, ma sono per la libertà assoluta quindi se a voi piace, fatelo senza crearvi problemi; lo stile è un gioco, non lo facciamo diventare un'altra schiavitù imposta da chissà chi! 😛

          1. negli anni '80 un amico di mio padre amava indossare i jeans reverse, perchè amava le cuciture a vista 😀
            Qke anno fa questa cosa, non allo stesso modo, è stata riproposta per maglie e maglioni. Anticipatore o visionario? hahaha .. artista, dai

          2. Mi dispiace Sara ma non mi trovi d'accordo e reputo semplicistico e di comodo il tuo pensare … accadrà di nuovo? ed io di nuovo inorrodirò! 

    1. se lo hai fatto è perchè ti piaci così ma non vedo perchè non possa esprimere la mia opinione. Ti ho offesa od usato termini offensivi? o vuoi qui solo adulatrici e adulatori? Bha … 

      1. Mi sembra che qui dentro chiunque possa esprimersi liberamente, o sbaglio? Non mi risulta di aver mai cancellato commenti offensivi, né critiche costruttive, né critiche inutili, non è da me, non ne capisco il senso. Ho sempre risposto a tutti, con il mio solito stile divertente.

        I tuoi commenti sono ben visibili, come i miei, in cui ti rispondo con un tono leggero e spiritoso, dato che stiamo parlando di gusti soggettivi e di smalti per unghie, non di fusione nucleare. Anche perché in quel caso avrei poco da dire, anzi, niente, sono una specie di Homer Simpson con i tacchi!

        Avresti preferito che le foto sparissero dal blog? Devo chiedere scusa pubblicamente per i miei gusti volgari e poco tollerati dalla World Fashion Police, solo perché non mi piace abbinare lo smalto su mani e piedi? E se il mondo là fuori scoprisse che non abbino nemmeno scarpe e borsa, che succederebbe!?  😉

         Nella vita capita tutti i giorni di non piacere a qualcuno, lo spunto per migliorare c'è sempre, ma perdonami se non rendo questione di stato il semplice gusto personale e soggettivo, se lo facessi dovrei pubblicare foto ad hoc per ogni singolo utente che passa da qui anche solo per crititcare me, e non credo che la mia fotografa si presterebbe volentieri alla causa!

         

         

         

  5. Nella mia vita sono stato buono e cattivo, stupido ed intelligente, etc. ma ho sempre pensato che tra i tanti miei difetti ve ne sia (ancora oggi) uno che, talvolta, rende lo stesso meno sgradito.

    Viva la prolissità, abbasso i tweet: con quest’ultimi, il rischio di un misunderstanding è dietro l’angolo, in assenza di esplicitazione del proprio pensiero, specialmente quando il mood è decreasing (che non si può essere sempre al 101%).

    Leggere di una pacatezza controllata e di una risposta espressione di una riflessione sincera (in effetti, S è davvero brava e bellissima, persino senza le sue adoratissime scarpe col tacco) è una tisana per il cuore.

    Chi ci crederebbe se dicessi che in realtà S. è talmente daltonica da costringere le sue amiche a fare shopping con lei per non sbagliare i colori??

    E se fosse stata “la fotografa”, per mere esigenze di rilevazione di indice di resa cromatica ad aver costretto S. a quel “sacrilegio”???

    Nessuno? E infatti …. ma se anche fosse, ritengo sia l’imperfezione la qualità che ci attrae, giacché nella perfezione non riusciremmo a rispecchiarci e finiremmo per ritrovarci un po’ a disagio.

    S. perfetta non lo sarà mai: unica (come tutti gli esseri umani) ed originale invece si ma senza volerlo essere a tutti i costi.

    Non vorrei peggiorare quest’equilibrio molto precario …. e cmq …. un saluto alla “fotografa” personale (che invidia ….)

  6. … e a testimonianza di una costante e progressiva crescita dell'onestà morale … hai persino sospeso la moderazione … sii libera ma ricordati i rischi. Buona serata a tutte/i.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.