Sabot: cosa sono e come abbinare le scarpe del momento

Ma tu sai che i primissimi sabot venivano realizzati in legno da mani esperte, e che erano in pochi a possedere questi calzari? E’ proprio così, i primi sabot hanno origine in diverse zone europee, dal Belgio alla Valle d’Aosta, e per un periodo piuttosto lungo sono stati un privilegio di pochi fortunati.

Che poi, fortunati, per evitare le vesciche dovevano indossarli con delle spesse calze di lana, tanto fortunati non erano secondo me!

Siamo invece molto più fortunate noi, perché possiamo calzare senza problemi la versione moderna di questi antichi calzari: i moderni sabot sono scarpe che vivono momenti di grande apprezzamento nel mondo della moda, anche se la loro presenza è ciclica.

Vanno tantissimo, poi vengono dimenticati, e poi tornano, più alti che mai.

sabot

 

In questi ultimi anni la moda li ha rilanciati in diverse versioni, che vengono catalogate per comodità nella categoria “sabot”, anche se in realtà sono ben altro; io continuo ad utilizzare questa definizione soltanto per i modelli a punta chiusa, che scoprono invece il tallone, a prescindere dall’altezza del tacco, mentre per le proposte aperte davanti mi accontento della vecchia e cara dicitura “sandalo”. O “ciabattine a tacco alto/basso”, se mi sento più frivola.

Le pantofole Gucci, pur essendo tecnicamente dei sabot, a mio avviso sono delle ciabatte, così come i mules di N°21 sono dei sandali, o delle ciabattine. Non dei sabot, ma questa è la mia tassonomia.

E quelli con la tomaia in pelle e la suola in legno? Quelli sono zoccoli, semplice!

Ma qui la vera domanda è un’altra: come si abbinano i sabot?

Per prima cosa, non devi essere pretenziosa, quindi evita di spacciare i sabot per quello che non sono.

Si tratta senza dubbio di scarpe perfette per le mezze stagioni, da indossare quando il caldo non è eccessivo ma non fa nemmeno troppo freddo.

I sabot hanno un appeal unico, e raramente consiglio di indossarli ad eventi formali e con outfit molto eleganti: sono tanti i brand che li propongono in versione gioiello, se decidi di cedere ricorda sempre di optare per i modelli capaci di tenere bene il piede, perché l’effetto ciabatta, unito a quel terribile rumore del piede che batte sulla soletta, è tutto fuorché chic.

outfit sabot

 

E’ quindi chiaro che il modo migliore per abbinare i sabot è abbinarli ad outfit poco impegnativi, come i jeans di ispirazione vintage, e gli abiti femminili non troppo strutturati: in queste foto li indosso con una gonna svolazzante, il look nel complesso mi piace, ma non lo sceglierei mai per un evento di sera, non con i sabot ai piedi almeno.

Queste scarpe rendono più rilassato il tuo look, quindi attenzione a non esagerare con strappi, giacche in pelle invecchiata e tessuti scoloriti: per essere chic con i sabot devi curare gli abbinamenti, e non cedere ad altri capi troppo casual.

E voglio anche anticipare una domanda: no, le calze con i sabot non sono ammesse, per nessuna ragione al mondo.

Le scarpe chiuse esistono proprio per sostituire quelle aperte quando fa freddo.

Punta tutto sul colore, come ho fatto io, e sui tessuti preziosi, magari ricamati, per aggiungere un tocco esotico al tuo outfit con sabot, e sarai perfetta. E ricorda sempre di scegliere modelli che trattengano a dovere il tuo piede, per evitare di perderti le scarpe per strada, tra un sanpietrino e l’altro.

fashion blogger brescia

come abbinare sabot

 

Cosa indosso:

Top Tezenis

Gonna H&M

Sabot Zara

Leggi anche: Trend Alert – Scarpe con fibbie per l’inverno 2018 

 

One thought on “Sabot: cosa sono e come abbinare le scarpe del momento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.