Come calzano le scarpe Cesare Paciotti: calzata e qualità effettiva

Hai trovato un’offerta straordinaria ma non sai come calzano le scarpe Cesare Paciotti? Ho la risposta alla tua domanda, ma sappi che forse leggerla ti confonderà ancora di più le idee!

Ho diversi modelli di decollete di questo marchio, e ho provato altrettanti sandali, stivali e stivaletti negli ultimi anni, perché Cesare Paciotti rimane uno dei miei brand preferiti quando si tratta di scarpe sensuali, appariscenti e di ottima qualità.

La buona notizia è che quindi la qualità è davvero eccezionale, i pellami sono molto morbidi e confortevoli, i modelli in suede sembrano guanti da calzare, le suole rosse con il pizzo stampato non sono scivolose e non si rovinano dopo la prima passeggiata, e i tacchi sono sempre ben centrati e stabili.

Quello che purtroppo potrebbe confondere è proprio la calzata, perché la linea di demarcazione tra una misura e l’altra a volte è davvero sottile: come sai porto il 38, ho diversi modelli taglia 38, moltissime scarpe 38,5 e sono riuscita a calzare senza problemi anche il 37, e no, non si trattava di sandali aperti ma di ankle boots.

Quindi come calzano le scarpe Cesare Paciotti?

Regolari, senza dubbio, ma in alcuni casi, soprattutto se il prezzo delle scarpe è davvero molto conveniente, è possibile tentare di calzare una mezza taglia in più o in meno; per sceglierla senza sbagliare è importante conoscere i propri piedi e le occasioni d’uso delle scarpe stesse.

Io mi sono imposta di non comprare più scarpe più piccole anche se le calzo bene, perché un conto è portarle per 10 minuti in negozio, un altro è tenerle ai piedi per una serata intera; questo anche se sul momento mi sembrano perfette e confortevoli, perché comunque anche il più minimo gonfiore potrebbe trasformare l’esperienza in un incubo inquietante.

Non mi piace lamentarmi del mal di piedi, come di tutto il resto, quindi preferisco evitare di infilarmi in situazione sgradevoli per me e per chi ho intorno, ma in passato ho commesso questo errore tantissime volte!

Ho molti meno problemi invece, a comprare una mezza taglia in più: le mie decollete Paciotti taglia 38,5 calzano alla perfezione in estate, quando il piede è appena più gonfio, ma le porto senza difficoltà anche in inverno, quando il piede si asciuga e c’è il rischio che la scarpa si sfili; in quel caso, per evitare situazioni imbarazzanti, aggiungo una soletta di gel intera (si trovano da Primark e costano appena 3 Euro), che aiuta a ridurre un po’ la lunghezza senza però lavorare sulla larghezza della scarpa.

E ti dirò, quando indosso decollete con la punta strizzata, quei pochi millimetri in più rendono le scarpe ancora più comode e portabili.

come calzano le scarpe cesare paciotti

L’ideale è quindi scegliere sempre la propria taglia, sapendo però che piedi molto asciutti possono vestire anche quella più piccola, e che senza particolari complicazioni si può calzare anche la mezza in più: non consiglio di andare oltre, perché vedere una scarpa vuota sul tallone e larga ai lati non è mai chic, nonostante quello che voglia farci credere Meghan Markle!

Ricorda anche che nappa e suede possono cedere di qualche millimetro, vista anche la morbidezza incredibile dei pellami usati da Cesare Paciotti, mentre con la vernice non c’è speranza, quindi attenzione anche al materiale con cui è composta la tomaia delle scarpe che vorresti acquistare.

Ora che sai come calzano le scarpe Cesare Paciotti puoi continuare a leggere tutti gli articoli dedicati alla calzata dei brand di lusso, tra cui Louboutin, Casadei, Manolo Blahnik e Jimmy Choo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.