Manolo e i tre cinturini: in o out?

I sandali che state per vedere sono il classico esempio di quasi perfezione teorica: splendidi, ma per qualche ragione sembrano non funzionare nella realtà, almeno per me.

Realizzati in suede rosso scuro, hanno una forma piuttosto semplice, a dargli carattere sono i tre cinturini che risalgono la caviglia, ed è questo dettaglio, che in generale adoro, a lasciarmi perplessa, perché in questo caso arrivano molto in alto sul polpaccio; questo significa due cose: per indossarli con stile servono delle gambe infinite, ma soprattutto è difficile abbinarli senza spegnerli. I pantaloni sono out, le gonne al ginocchio richiedono le suddette gambe chilometriche, quindi, cosa rimane? Mini abiti e gonnelline da ballerina? Non ne sono sicura, attendo di vederli indossati da qualche celeb, sperando che nessuna decida di mortificarli sotto un lungo abito da sera.

4 thoughts on “Manolo e i tre cinturini: in o out?

  1. Rieccolo il tacco magico, molto carine viste “da giù”. Però credo che da indossate possano perdere punti a causa della loro insisitenza sulla caviglia: al limite della ghetta (che odio), però molto sheer…uhm..da vedere =_O

    In ogni caso bellissimo tutto il resto 😉

  2. Hai ragione a dire che qualcosa non va e il motivo l’hai già spiegato tu: per indossarli servono gambe flessuose e chilometrice con abiti o gonne corti. Il triplo cinturino è anche bello, ma troppo alto, l’impressione che mi dà guardandolo è strana, è come se a questo sandalo “mancasse un pezzo”, un qualcosa che ricongiugna i tre cinturini col resto del sandalo, sembrano “staccati”, a parte, aggiunti in un secondo momento. Boh, sono molto perplessa.
    Il colore però è bello, anche se di difficile abbinamento. Impossibile non notare poi come Manolo abbia puntato sul tacco più classico, un po’ svasato alle estremità, facendo quindi marcia indietro rispetto agli altri stilisti. Non mi convince molto la suola sollevata in parte da terra.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.