Alla ricerca della scarpiera perfetta, moderna e possibilmente low cost!

Missione scarpiera perfetta!

In questo blog, e quindi anche nella vita, mi lascio spesso trasportare dal fascino di quello che infilo nella mia scarpiera, senza fermarmi mai a pensare a lei, alla custode di tutti i miei tesori, lo spazio che può fare la differenza tra una collezione degna di nota e una pila di scatole senza senso incastrate in posti improbabili della casa. Ovviamente la mia attuale situazione è più vicina alla seconda realtà, anzi, è proprio identica alla seconda realtà, e la cosa non mi sta più bene; negli ultimi mesi sono diventata molto più ordinata ed organizzata, ed in questi giorni di relax ho iniziato a cercare online qualche idea interessante e attuale per organizzare gli spazi della casa in funzione della mia passione per le scarpe.

Come sempre il web si è rivelato una fonte inesauribile di ispirazione, ma siccome sono una persona piuttosto complicata ho bocciato a priori alcune proposte esteticamente bellissime ma purtroppo poco pratiche: le scatole delle scarpe occupano spazio, ma se avessi a disposizione una stanza enorme da trasformare in un walk in closet probabilmente ora sarei lì a chiacchierare con Kim Kardashian, e invece sono qui a tentare di rendere organizzata e funzionale la mia caotica collezione.

In un mondo perfetto le mie scarpe sarebbero poggiate sulle loro scatole, a loro volta sistemate su mensole bianche ben illuminate, perché si sa, nei mondi perfetti non esistono limiti di spazio, bollette della luce e polvere, ma nella vita reale, tristemente, sì. Quindi basta sognare, concentriamoci su qualche proposta reale e magari anche accessibile.

Ultimamente online il trend in fatto di scarpiere è la cassettiera: so che può sembrare un’idea folle, ma a ben pensarci ha senso. L’unica cosa davvero complicata è scegliere il modello giusto che riesca a fondersi con lo stile del resto casa, perché è un complemento d’arredo che ha l’enorme vantaggio di poter essere posizionato in qualunque stanza o angolo, quindi perché non occupare quello spazio vuoto in corridoio con un bel mobile in cui infilare ballerine e scarpe basse? Un giorno potrei integrarlo nella mia stanza guardaroba, e a livello igienico non cambierebbe nulla rispetto ad una classica scarpiera, mi basterebbe rivestire l’interno dei cassetti con una protezione lavabile, da pulire ad ogni cambio di stagione. Da brava vittima dei trend di stagione è un’opzione che adoro, soprattutto perché mi aiuterebbe a trattare bene anche le scarpe basse, che di solito vengono maltrattate senza pietà.

Scarpiera perfetta: le foto

kimidori

Foto: Kimidori/Homify.it

Un’altra proposta interessante per creare la scarpiera perfetta è quella di utilizzare un vecchio baule come scarpiera, ha un look vintage e romantico, e mi piace molto! In questo caso potrei utilizzarlo anche per le scarpe dotate di scatole, quindi per le décolleté e perché no, anche per gli stivali, quelli davvero non so mai dove metterli, sono difficili da sistemare anche nelle più classiche scarpiere, invece basterebbe impilare le scatole nel baule e dimenticare di aver mai avuto un problema organizzativo.

Restyling Mobili di Raddi Federica

Foto: Restyling Mobili di Raddi Federica/Homify.it

Rimanendo in tema di vintage un po’ romantico parliamo di valigie: non sono in partenza ma ho da poco visto “Colazione da Tiffany” per l’ennesima volta, e il fatto che Holly tenesse il telefono poggiato in una vecchia valigia aperta mi ha ispirata! Vorrei poter fare lo stesso con un paio di scarpe speciali, ma in questo caso si tratterebbe più di una piccola follia di arredo, non di una vera e propria scarpiera, secondo voi è troppo esagerato? Considerate che già adesso ho un paio di décolleté posizionate sulla libreria, sono i miei soprammobili glitter porta fortuna!

Bellissima e più classica l’idea di nascondere la propria scarpiera perfetta con le mensole dietro ad una parete di specchi: potrei semplicemente impilare le scatole come faccio ora, attaccandoci davanti una foto delle scarpe, ma almeno sarebbero tutte in un unico spazio e in più avrei anche tanti specchi, dettaglio che non gusta nell’epoca dei selfie! Questa proposta è sicuramente la più tradizionale ma anche la più impegnativa a livello economico, mi piace molto ma la terrò da parte per il futuro, al momento cerco qualcosa di transitorio e più moderno.

Fabio Gianoli

Foto: Fabio Gianoli/Homify.it

E voi come tenete le vostre scarpe? Datemi qualche idea, o se siete a caccia di proposte per organizzare la scarpiera rincuoratemi con il vostro “caos creativo”!

18 thoughts on “Alla ricerca della scarpiera perfetta, moderna e possibilmente low cost!

  1. In un mondo perfetto avrei la ormai famosa scarpiera a forma di shoebox di Louboutin: non conterrebbe un granché, ma mi saprei accontentare.
    La realtà è fatta invece di scatole di scarpe impilate in due armadi, un pouf e persino una libreria Ikea (ti consiglio a proposito di dare un’occhiata al sito…). Senza contare le scarpiere vere e proprie per scarpe orfane delle loro scatole: 1 in bagno e 2 sul balcone.
    Non penso mai: oddio non posso comprarle perché non ho spazio. Lo spazio si trova sempre, a che sono serviti altrimenti gli anni passati a giocare a Tetris? u_u

  2. Io ho risolto cosi: fa Ikea gli armadi sono proposti in due differenti misure di profondità. ho preso quella meno profonda rispetto ad un guardaroba classico ma alto fino al soffitto, accessoriata di mensole in metallo pensate proprio per le scarpe, due ripiani in legno nella parte alta per le scatole degli stivali e man mano che cresce il parco scarpe si puo’ ovviamente ampliare. io ho inizito con due ante ora ne ho aggiunta una terza. Io mi trovo molto comoda così! baci Elisabetta

  3. Spazio e tempo,
    Due grandi necessità della donna e dell’uomo dei nostri giorni. Il primo per sfizio, il secondo, forse, per necessità.
    Nel caso delle nostre eroìne direi che servirebbe molto tempo per cercare di avere tantissimo spazio per i propri ‘gioielli’

    La Ely purtroppo ha un piccolo ripostiglio a mensole completamente intasato di scarpe (e non solo) mentre gli ultimi regali di solito riposano nelle loro scatole, in un armadio così pieno che…

    Vabbè mi avete capito, no??!?:-)

    Prossimo step: ripiani, ante e luci a led con sensore all’apertura (il difficile sarà trovare la giusta tonalità di luce per illuminare correttamente le scarpe)

    Saluti

    Edo

  4. Ciao! Anch’io (forse non proprio come te) ho tantissime scarpe ed ho nella mia camera da letto un armadio a muro alto due metri e mezzo e largo tre. Qui dentro ripongo le mie scarpe nelle loro scatole su 5 mensole che spesso suddivido in base a tipologia e stagione. Per il momento mi trovo bene ma nell’ipotesi di una nuova casa PRETENDO una cabina armadio! 😀

  5. No per favore, cambia Kim Kardashian…con qualsiasi VIP ma non con lei.
    Comunque, il bauletto non è per niente comodo, fidati. Ci ho già provato nel passato ma è scomodo in quanto dovresti mettere tutte le scatole una sopra l’altra e quindi per tirare fuori quella sotto devi svuotare tutto. Per il resto penso che la cassettiera sia quella più comoda, pratica e low cost…facile mostrare splendidi ripiani con le scarpe più care al mondo in una villa grande come una città, ma siccome noi non viviamo li bisogna sfruttare lo spazio che si ha a disposizione, giusto?
    Un grande abbraccio,
    Eni

    Eniwhere Fashion
    Eniwhere Fashion Facebook

    1. Eh ma tanto anche nella scarpiera attuale ho le scatole una sull’altra, e ovviamente ho sempre voglia di indossare la scarpa che sta sotto a tutte le altre, rischio la vita ogni volta che devo uscire di casa! Kim è una scarpomane, avremmo sicuramente tante cose da dirci, e poi voglio estorcerle il segreto del suo contouring perfetto 😛

  6. Suggerisco un TIR. Per poterle contenere tutte e per averle sempre con sé; sia mai che venga all’improvviso, mentre una è dall’altra parte della città, la voglia di indossare proprio quel paio lì.
    Metto sempre il mi piace a tutte le scarpe che proponi su Facebook. 😛

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.