Scarpe vegan: solo moda, o un impegno per il futuro dell’ambiente?

Cosa sono le scarpe vegan?

Le scarpe vegan sono scarpe di plastica e cartone vendute a prezzi folli?

E ancora, le scarpe vegan sono di qualità medio bassa, a prescindere dai materiali usati?

Queste sono alcune delle domande che ho ricevuto qualche giorno fa, dopo aver condiviso il mio post sulle decollete vegane che vedi anche qui; se hai perso quell’articolo non ti preoccupare, troverai il link alla fine di questo così potrai leggerlo con calma senza saltare avanti e indietro.

Voglio essere completamente sincera, più che domande ho ricevuto sentenze lapidarie che mi hanno lasciata perplessa, ma mi hanno anche fatto capire che sul tema “mondo vegan” i pregiudizi sono tanti, e la mancanza di informazioni è una costante.

Invece di bannare e cancellare i commenti ho deciso di prendere il positivo e di affrontare l’argomento in un articolo a parte, scritto per chi ha voglia di capire ed imparare, perché il mondo in cui viviamo è pieno di sfumature e avere convinzioni granitiche basate su luoghi comuni infondati non fa bene a nessuno.

scarpe vegan walter calzature

Cosa sono le scarpe vegan

Intanto partiamo dalle basi: cosa sono le scarpe vegan?

Sono scarpe realizzate con materiali di origine non animale. Quindi niente pelle, cuoio, lana o seta, ma c’è di più, perché bisogna prestare attenzione a collanti e tinture, che devono essere sempre cruelty free; nessun materiale utilizzato per creare la scarpa deve provenire da un animale, sembra facile ma ti assicuro che non lo è per niente, anche perché le etichette che dichiarano la composizione fanno riferimento all’80% dei materiali usati, non alla loro totalità.

E’ per questo che esistono certificazioni specifiche per le scarpe vegan, che sono dichiarate tali solo se cruelty free al 100%.

Le scarpe cinesi e le scarpe di Zara sono quindi vegane? La risposta è no, anzi, forse no. Alcune possono esserlo, altre no, ma non essendo certificate è impossibile dare un parere preciso.

Il fatto che queste calzature low cost siano spesso realizzate in finta pelle, e che le scarpe vegan siano realizzate con materiali che assomigliano alla pelle, porta ad una errata associazione mentale: le calzature cruelty free sono fatte di plastica e cartone, e vengono vendute a prezzi alti per ingannare i consumatori vegani.

Mai associazione sul mondo vegan fu più errata: basta soffermarsi a leggere la composizione delle scarpe vegan per capire che ci sono tantissimi materiali innovativi, nati dopo anni di ricerca specifica, che oltre ad essere esteticamente gradevoli sono anche confortevoli per il piede.

Il consumatore vegano, inoltre, non è uno sprovveduto acquirente che compra a caso prodotti che mettono a tacere il suo senso di colpa e la sua curiosità, ma è spesso una persona molto attenta ed informata, abituata a chiedere, a interrogarsi per capire davvero cosa ha davanti.

L’ultimo assunto da scardinare è che il mondo delle scarpe vegan sia una nicchia chiusa, dedicata a chi ha scelto uno stile di vita vegano: questo è vero in parte, perché inizialmente i brand specializzati si rivolgevano soltanto ai vegani, ma le cose stanno cambiando, e anche la comunicazione è diventata più inclusiva e aperta.

Non serve essere vegani per giustificare l’acquisto di una scarpa vegan, come non serve mettere in pubblica piazza le proprie scelte alimentari per proporre un’alternativa a quella consuetudinaria a cui siamo stati abituati.

scarpe vegan

Le scarpe vegan sono tutte eco friendly?

No, non tutte le scarpe vegan sono anche eco sostenibili e “amiche dell’ambiente”, ma molte lo sono. Questo significa che le aziende specializzate in questo settore non scelgono di proteggere gli animali per poi inquinare fiumi e oceani con tinture e materiali plastici, ma lavorano per rendere tutta la produzione quanto più pulita possibile.

E’ facile? No, e non è nemmeno economico, ma è una scelta che non può e non deve essere ignorata, perché produrre scarpe in pelle ha un impatto sull’ambiente in cui viviamo noi, e in cui vivranno i nostri figli, ed è importante essere consapevoli di quello che succede intorno a noi, dato che ne siamo responsabili.

Purtroppo in questo momento è impossibile creare qualcosa senza generare anche un impatto negativo sull’ambiente, ma è proprio per questo che bisogna supportare e incoraggiare chi cerca di trovare una soluzione, con tutti i limiti che il mondo attuale ci impone.

Conoscere, chiedere e sapere, per poter poi fare scelte consapevoli, deve essere un dovere di tutti noi, ma è importante farlo senza demonizzare nessuno, ma soprattutto senza dare false informazioni fondate su luoghi comuni talmente vecchi da risultare obsoleti.

Le scarpe vegan cruelty free di qualità sono oggi una realtà, e sono tanti i marchi che stanno iniziando ad avvicinarsi a questo nuovo modo di fare moda: sono felice di averti presentato diverse alternative, e continuerò a farlo finché i valori dei brand saranno in linea con i miei.

Dove c’è differenza c’è crescita, dove c’è inclusività c’è futuro.

scarpe vegan made in italy

 

Ora sei pronta per scoprire tutto sulle decollete blu che vedi in queste foto, clicca qui!

Leggi anche: The true cost, il vero costo dei nostri vestiti fast fashion

3 thoughts on “Scarpe vegan: solo moda, o un impegno per il futuro dell’ambiente?

  1. Sono vegana, e ti ringrazio per questo post, per quello sulle scarpe e per le risposte pacate che hai dato l’altra volta; purtroppo per colpa di alcuni vegani troppo egocentrici la maggior parte della gente schizza in aria appena sente la parola vegano, ma ci sono anche persone intelligenti che vivono questa scelta con serenità in modo intimo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.