Un pomeriggio firmato Casadei

Ho sempre sostenuto la tesi che un matrimonio sia la scusa migliore per un sacco di cose: viaggi ai confini del mondo, spese folli per un paio di scarpe perfettamente giustificate dal fatto che se per far mangiare i miei ospiti (spesso semi sconosciuti) devo vendere un rene perché non vendere anche l’altro per sentirmi la più figa del reale nel MIO giorno?! E così via. Non conto di sposarmi a breve, ma siccome Giggetta è prossima al grande passo io, Laim e Cris siamo andate in missione segreta per lei, al momento in esilio amoroso a Barcellona: certo, devo ammettere che entrare in boutique Renè Caovilla è stato un immenso sacrificio, così duro che prima di vivere questa emozione abbiamo ritenuto opportuno un giro rilassante chez Casadei.

La presenza del Signor Antonio, da settembre direttore della boutique monomarca di Roma, è stata come sempre provvidenziale: ci ha coccolate come solo lui sa fare, ha ascoltato le nostre risatine isteriche davanti a sandali gioiello favolosi e tacchi da diva, e ci ha permesso di provare tre modelli da sogno.

Naturalmente ci ha anche raccontato la collezione P/E 2012 Casadei, dalle decolletè Blade in vernice fluo alle spuntate in rafia effetto rettile, in un tripudio di eleganza, sensualità e opulenza. Se volete leggere le impressioni di Cris potete trovarle nel suo blog, io non posso che ringraziarla per aver scattato le foto che state per vedere, conto di trasformarle presto in santini portafortuna:

 

blade casadei indossate

Eh sì, sono proprio le famose Blade, ai miei piedi! Questa versione in pelle opaca silver fa parte dell’attuale collezione, belle da morire, e, giuro sul loro tacco, anche comode; calzandole ho scoperto che all’interno c’è un piccolo plateau morbido che attutisce la pendenza del tacco a lama, splendido e cattivissimo: indossarle, anche se per pochi minuti, mi ha fatto sentire potente e femminile, i miracoli di una scarpa ben fatta sono infiniti! Con grande sorpresa ho dovuto provare il 38,5: la forma della scarpa rende necessario un numero in più, per poterle calzare al meglio, se contate di acquistarle online tenete presente questa informazione.

casadei blade worn indossate

 

(Chiedo venia per i segni delle Mary Jane che indossavo prima di scattare).

Non paga di questa meravigliosa gita a Blade Land ho chiesto di provare il classico modello spuntato Casadei, con triplo plateau e qualche cristallo swarovsky, giusto una dozzina qui e là, neanche particolarmente luccicanti:

casadei spuntate strass peep toe 2012

Scherzo, come potete notare queste delizie sono un tripudio di luce, scarpe da Cenerentola, sublimi e altissime, ancora non mi sembra vero, eppure le ho avute ai piedi e le ho anche usate per camminare. Per venti centimetri al massimo, avevo il terrore di rovinarle.

Purtroppo siamo uscite dal negozio a mani vuote, ma personalmente ho maturato la consapevolezza di non poter vivere senza un paio di Blade, quindi prima o poi le avrò, spero presto, magari me le regalo per il compleanno, chissà!

Se volete seguire il nostro percorso da Caovilla e in giro per il centro storico vi rimando al post di Cris, vi basti sapere che a fine serata, in un outlet di cui parlerò a breve, io e Cris abbiamo comprato le stesse decolletè Casadei che Laim aveva acquistato qualche giorno prima, alla modica cifra di 36 Euro. Incredibile, vero? Ve le presenterò nei prossimi giorni, promesso!

19 thoughts on “Un pomeriggio firmato Casadei

  1. le voglio anche io le minnie..sono deliziose!
    Per le Blade che dire, sono bellissime, ma al momento decisamente fuori portata.. 🙁

  2. Veramente adorabili entrambe. Non ho parole. Mi sono chiesta quale dei due modelli sceglierei se mi fosse concesso di appropriarmi di un sol paio. Beh, dopo travagliatissima riflessione, sceglierei le Blade. Non resisto alle punte così affusolate e alle scollature così accentuate. Non ho capito se quelle che hai provato tu sono già un numero in più oppure se sarebbe stato utile provare un numero in più.
    PS: Sono stata in vacanza e chiedo scusa se commento in grave ritardo.

  3. Dove sei stata di bello? Io ho provato il 38,5 su consiglio del direttore, che la sa lunga, infatti mi calzano alla perfezione, nonostante io porti il 37,5/38! comunque le comprerò, devo solo scegliere il colore!

  4. Sono stata una settimana in Toscana, 2 giorni in Versilia, 3 all’Erba e altri 2 di nuovo in Versilia. Tempo molto bizzarro, ma mi sono divertita. Le Blade, confermo, sono straordinarie. Dalla foto che ti sei fatta si direbbe che in punta ci sia ancora 1 cm di spazio, ma poi temo che la larghezza sarebbe insufficiente per le dita. Può essere che occorra quel numero (o mezzo numero) in più, però bisogna provarle.

  5. Pingback: Casadei Blade, finalmente ai miei piedi | Shoeplay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.