Tacco scultura Charlotte Olympia: che orrore!

Se io fossi una brava blogger chiuderei la settimana con una scarpa bella da morire, l’Angelina Jolie della calzatura, sinuosa, altissima, sfacciatamente figa. Ma sono dispettosa, quindi per augurarvi un sereno weekend punto tutto sul tacco a barboncino di Charlotte Olympia:

sandali tacco a cane barboncino tacco scultura

Per la serie, se da lunedì il blog dovesse ricevere tre visite al giorno mi starebbe bene!

Appena ho visto la foto di questo “sandalo” ho pensato si trattasse di un vecchio modello Dior (collezione P/E 2009), vi ricordate i tacchi totem di Galliano?

dior tacco scultura

 

Ma adesso John non c’è più, e con lui  l’estro creativo un po’ cafone ha abbandonato Avenue Montaigne, e mi viene da pensare che si sia trasferito a Londra, a casa di Charlotte. Un tacco a BARBONCINO. Cioè dai, come lo commento in modo professionale?! Tacco scultura originale? Non ce la faccio, è orribile, idea pessima, realizzazione “asiatica”. Orrore puro. Però la parte frontale del sandalo mi piace, con tutti quei listini rosa confetto. Ma al cane io dico NO.

17 thoughts on “Tacco scultura Charlotte Olympia: che orrore!

  1. Incommentabile.
    Non so cosa sia peggio, onestamente, tra la cariatide di Charlotte e quella di Dior. Quella di Dior mi ha sempre fatto un po’ impressione, ma nonostante tutto ha un suo perché; quella di Charlotte invece la trovo più kitsch, forse per via del rosa confetto usato per tutto il sandalo e per il collare dorato con gli swarovski al collo del cane: sembra un sandalo pensato per le protagoniste senza neuroni di Party Mamas…

  2. Il sandalo ha un bel colore, ma il tacco, vogliamo parlarne sul serio? Abbaia da solo per quanto è brutto. Peccato, hanno sprecato solo tempo e fatica per crearlo!
    Complimenti per il blog, è davvero bellissimo! ♥
    Sara

  3. Una sola parola: SCAN DA LO SE.
    Va bene l’estro, va bene la creatività, ma diamo un freno all’arte! Anzi una bella inchiodata, magari sbattendo la testa rinsaviscono…
    Scusate, ma quando ce vo ce vo!

  4. mh, mi verrebbe da chiederle: perché? ma ti droghi? ma a che pensavi quando ti sei detta “uaaa, quasi quasi faccio un tacco con il barboncino!”.. ma sei deficiente?
    Scusa, ma sono le cose che chiederei a Charlotte, che già comunque mi delude continuamente… Mamma che robaccia brutta!!!

  5. Quelle di Galliano le ricordo ai piedi della Barton (screpolatissimi), le avevi pubblicate secoli fa vero? e comunque non mi piacevano.

    Queste… ma sai che son carine? sono tenere! fanno tanto barbie 😀 kidult, ecco. però si, mi piacciono 🙂

    ..ok, ti ho sconvolta XD

  6. mmm… ehm… no… ok, non le metterei… adoro il colore e sì, sono pacchiane da far paura.
    Ma nel loro essere pacchiane hanno senso. Me le vedo addosso a qualche carampana ingioiellata di beverly Hills, cotta dal sole (o dalle lampade), con cagnulin in tinta.
    Ok, lo so, è un’immgine terribile.
    Però non mi fanno orrore, mi fanno sorridere. 🙂

  7. Della serie come rovinare un sandalo che senza quell’orrore di tacco, sarebbe stato davvero carino! Che peccato! Perché sprecare tempo per proposte così assurde?! Comunque quella di Dior era ancora più brutta!!!

  8. Ma il barboncino nel tacco può considerarsi maltrattamento?
    Ah, Shoegal, quando passo dal tuo blog mi diverto sempre moltissimo: sei bravissima e preziosa nel donare alle lettrici qualche chicca insuperabile, poco importa che nel caso specifico le scarpe presentate siano degne di un horror.
    Baci!

  9. Anche io ho pensato subito al tacco ‘preistorico’ Dior 😀 Non mi sono mai piaciute scarpe così…ma come si possono mettere se non per fare una foto da giornale? Sono grossolane e slanciano come un vestito a righe orizzontali…=_=

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.