Scarpe vegane Made in Italy: tacchi cruelty free Fera Libens e Walter Calzature

Scarpe vegane Made in Italy, mission impossible?

E ancora, scarpe vegan belle e alla moda, un miraggio?

Oggi finalmente posso rispondere no ad entrambe le domande, dato che grazie al negozio Walter Calzature ho scoperto un marchio giovane ed italiano, specializzato proprio in scarpe cruelty free, Fera Libens.

Sapevi che non basta che la scarpa non sia realizzata in pelle per classificarla vegana? Bisogna stare attenti a tantissimi dettagli, dalla colla usata all’impatto ambientale, perché chi ha deciso di abbracciare uno stile di vita vegano deve avere la certezza di non acquistare niente che abbia origine animale.

scarpe fera libens

 

Le scarpe vegane Made in Italy Fera Libens hanno ottenuto il massimo livello del Rating Animal Free della Lav, che attesta che le scarpe sono cruelty free al 100%; le calzature sono realizzate con materiali sintetici di ottima qualità, tra cui microfibra e un’alcantara eco friendly molto morbida.

Si possono realizzare scarpe a tacco alto vegane, di ottima qualità e non esageratamente costose? La risposta, stavolta, non può che essere sì!

Chi sceglie uno stile di vita vegano deve avere la possibilità di indossare scarpe raffinate, alla moda e versatili, perché le scarpe speciali ci fanno sentire speciali, e quelle cruely free hanno un valore aggiunto eticamente importante, soprattutto in questo periodo storico.

Le mie decollete vegane blu elettrico non hanno niente da invidiare ai modelli in pelle, sono confortevoli e hanno una linea bellissima, molto versatile:

scarpe vegane made in italy

 

Quando le ho viste in negozio non ho esitato un momento, sapevo che sarebbero state perfette per rappresentare il progetto di Fera Libens e Walter Calzature qui nel blog: hanno un design elegante e femminile, una silhouette pulita e in più sono anche vegane, cosa chiedere di più?

La tomaia è realizzata in microfibra effetto suede, la fodera in microfibra Sisa Aequo, un materiale tessile di altissima qualità a zero emissioni, mentre la suola è in tunit.

scarpe vegan made in italy

 

Senza volerlo ho testato il potere anti scivolo di questa composizione, dato che ho scattato le foto a Philadelphia dopo un’intensa nevicata, e devo dire che sono rimasta piacevolmente colpita dalla stabilità delle scarpe!

outfit righe

 

La calzata delle scarpe vegane Made in Italy Fera Libens è regolare, e questo modello è disponibile anche in nero, blu navy e in beige; il tacco è alto 9 cm, la punta corta è allungata e scollata al punto giusto.

Il sogno di Federico e Francesco, fondatori del marchio, è dimostrare che oggi è possibile unire la tradizione artigianale italiana ad un prodotto ecosostenibile e cruelty free: le loro scarpe vengono realizzate in Italia, dagli artigiani che tutto il mondo ci invidia.

scarpe vegan walter calzature

 

Indossare calzature vegane non è una moda passeggera, ma un modo di dare un piccolo contributo al mondo in cui viviamo attraverso qualcosa che ci definisce e racconta chi siamo: il nostro stile.

Nel sito Walter Calzature trovi diverse proposte di scarpe vegane di qualità, sia a tacco alto che più casual, perché non scommetti anche tu su un prodotto nuovo e diverso?

scarpe blu elettrico

fashion blogger italiana

 

Cosa indosso: Giacca ecopelle: B Style ; top e gonna: Zara; scarpe vegane Made in Italy: Fera Libens; borsa: Rebecca Minkoff; location: Philadelphia Museum Of  Art, anche noto con il nome di “scalinata di Rocky”! Lui correva con le All Star, io ho preferito camminare con i miei tacchi alti!

3 thoughts on “Scarpe vegane Made in Italy: tacchi cruelty free Fera Libens e Walter Calzature

  1. Ho seguito la polemica sul tuo Facebook, non sono intervenuta perché con alcune persone è solo una perdita di tempo; ma ci tenevo a dirti che ho molto apprezzato questo post, non sono vegana e non voglio diventarlo ma ho un’amica che mi racconta sempre quanto è diventato difficile spiegare che un vegano non è per forza un folle che deve convertire gli altri! Le ho girato questo post, bellissimo come anche le foto!

    1. Grazie Chiara, lo scopo del post era proprio presentare un progetto nuovo e inclusivo! Le polemiche sterili lasciano il tempo che trovano, una critica va bene, ma l’insulto privo di fondamento non è utile a nessuno!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.