Scarpe Adidas realizzate con i rifiuti degli oceani

Scarpe Adidas|| Nei giorni in cui, grazie all’uscita del documentario di Leonardo Di Caprio “Before the flood”,  tutti abbiamo preso coscienza della situazione drammatica del nostro pianeta, Adidas presenta al mondo la sua nuova sfida: una collezione di sneakers realizzate utilizzando i materiali trovati in fondo agli oceani.

Avevo sentito parlare di questo progetto qualche settimana fa durante un tour della nave Sam Simon di Sea Shepherd, ma ora finalmente posso mostrarvi il prodotto finito e condividere qualche informazione ufficiale giunta direttamente da Adidas.

scarpe adidas

Per il momento sono stati prodotti solo 7000 esemplari di queste scarpe, ma già dal 2017 saranno circa un milione; l’obiettivo è eliminare totalmente l’utilizzo di plastica vergine sia nel processo di produzione che in quello di distribuzione.

Al fianco di Adidas in questo progetto c’è l’associazione Parley for the Oceans: il gruppo ambientalista è nato proprio con lo scopo di sensibilizzare l’opinione pubblica sullo stato dei nostri oceani e sul livello preoccupante di inquinamento delle acque.

Le scarpe Adidas saranno in vendita tra un paio di settimane e costeranno circa 220 dollari; sono realizzate per il 95% con plastica riciclata raccolta nella zona delle Maldive e con altri materiali di riciclo e sono riconoscibili dalla targhetta che recita “UltraBOOSTUncagedParley”.

adidas

Qualcosa in questo mondo allo sbando si sta muovendo, forse è arrivato il momento di decidere da che parte vogliamo stare! Io ho già preso posizione e sono felice di vedere che questo progetto è andato avanti fino alla completa realizzazione di un prodotto portabile e amico dell’ambiente: tra l’altro visto che il Natale si avvicina mi piace pensare che qualcuno sceglierà queste sneakers come regalo, sarebbe un modo intelligente di cedere al consumismo facendo qualcosa di buono senza troppa fatica.

Scarpe Adidas:

adidas

adidas

Leggi anche: Il vero costo della moda

2 thoughts on “Scarpe Adidas realizzate con i rifiuti degli oceani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.