Richard Braqo, designer emergente votato alla causa del tacco a spillo

Il nome Richard Braqo  non vi suonerà familiare, ma vi consiglio di memorizzarlo perché nei prossimi mesi lo sentirete spesso; questo designer emergente nato in Ghana ma cresciuto professionalmente al fianco di Helmut Lang e Cesare Paciotti ha presentato le sue scarpe nel corso della Fashion Week di Londra e ha fatto impazzire le amanti degli stiletti.

scarpe braqo chi è braqo

Il binomio “tacco a spillo-gioielli” è evidente in entrambi questi modelli, nel tacco a spillone con tanto di perla come nella cavigliera rigida che ricorda un piercing; il resto delle calzature è essenziale e pulito, la punta sfilata e scollata non distrae ma anzi esalta i dettagli dorati. Adoro questi due modelli, e trovo splendide le immagini ufficiali scattate per l’advertising di Richard Braqo, ricordano le foto delle campagne di Brian Atwood e Tom Ford, sempre eleganti ma maliziose.

 

tacchi a spillo neri

 

PS: da oggi è possibile votare ogni post cliccando sulle stelline qui accanto, sono così carine che ho dovuto inserirle! Siccome mi piace strafare ho aggiunto anche i bottoncini per condividere i post sui social, cliccate senza pietà 🙂

19 thoughts on “Richard Braqo, designer emergente votato alla causa del tacco a spillo

  1. Mi piace molto il plateau discreto simil Gucci, la punta non eccessiva, l’idea del cinturino a forma di percing (geniale) e la decorazione a forma di spillo che sembra infilarsi nel tallone per fuoriuscire come tacco (altra genialata). L’unico neo, secondo me, è proprio il modo in cui il tacco di metallo si innesta nel tallone: nel caso del modello con lo spillone verticale ci sta tutto, nel secondo stona, perché sembra che il piede sia finito su un pezzo di metallo rimasto incastrato nella suola.

  2. Quello spillone è una genialata, sono bellissime. E l’era dei maxi plateau sembra finita, deo gratias 🙂
    Ma un post sulle scarpe (scarpe???) di Cèline per la SS 2013? Forse Phoebe Philo era posseduta da uno yeti alieno mentre le disegnava…

      1. Potresti inaugurare una rubrica apposita, La piccola bottega degli orrori…ce ne sono tanti, il materiale non mancherebbe. Sulle Cèline, voglio proprio vedere se qualche sciamannata scellerata avrà il coraggio di andarci in giro. Temo di sì 🙂

  3. Anch’io trovo geniali e splendidi entrambi i modelli, il primo piú di tutti, nel secondo mi piace tantissimo il cinturino a forma di piercing, che ho e che adoro da sempre! : ) Anch’io però avrei preferito un tacco diverso in questo caso, anche per differenziare di piú i due modelli!

  4. Sono bellissime-issime-issime.
    Però quel tacco (bellerrimo a prescindere) mi sembra taaaaaaaaanto instabile, un po’ come se lasciasse mezzo tallone in pimpirinella… O_o

  5. Mi scopro in sintonia con Fashion Cat. Piacevolmente, è ovvio. In alcune parti questa scarpa è bella, in altre no. Il disegno del tacco è originale. Ma forse troppo originale. Sono anch’io attaccata al classico, come la Gatta della Moda. Belle ma non mi conquistano. Geniali ma trovo di meglio. Il voto alla scarpa è un 7 meno.
    Ora vado a votare sulle stelline. Per Shoeplay il mio voto è sempre il massimo. Fosse in decimi sarebbe 10. Ma il voto mio prescinde dal modello proposto. E’ un voto al genio e al fiuto di Shoeplay.
    Buonanotte, ragazze!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.