Le chiacchiere del sabato: rispondo alle vostre domande

Le chiacchiere del sabato || Uno dei miei buoni propositi per il 2015 è vincere un premio per i titoli più brutti mai visti in un blog, ed è sempre più evidente che ci sto mettendo tutta me stessa; come vi avevo anticipato ieri su Facebook ho finalmente deciso di rispondere alle domande che mi vengono poste più spesso rispetto al blog.

Ho scelto quelle che mi capita di leggere nelle vostre mail, ma se avete altre curiosità chiedete pure, ci ho messo cinque anni ma ora sono pronta a rispondere!

Perché hai scelto di scrivere un blog monotematico?
Non l’ho scelto, è successo! Io ci ho provato, all’inizio scrivevo anche di moda, raccontavo le mie improbabili avventure universitarie, ma alla fine gli unici post che mi piaceva preparare erano quelli dedicati alle scarpe. Mi piaceva scriverli, ma anche fare ricerca, selezionare i modelli, studiare la storia dei designers, etc etc.
Per anni mi sono imposta di continuare a scrivere solo di quello, ma le imposizioni, anche se auto indotte, non fanno per me, quindi per il 2015 ho deciso di regalarmi la pace: scarpe dal lunedì al venerdì, e off topic di vario genere nei weekend, così chi è interessato ad un solo argomento può scegliere di non passare a trovarmi quando divago pesantemente, come oggi.

Perché appari raramente nel tuo blog/nei social?
Perché appartengo alla vecchia scuola, quella che voleva i blogger come personaggi privi di nomi, cognomi e vite reali. Ora è l’esatto opposto, la sovraesposizione e la uber condivisione di tutto non fanno per me, ma vi prometto che presto arriveranno delle sorprese in merito. Non ho mai pensato che la mia riservatezza venisse vista come una stranezza, ma oggi i blog hanno assunto tutto un altro senso, quindi è giusto adeguarsi al cambiamento, sempre mantenendo fede al proprio stile.

Cosa significa il tuo vecchio nickname?
Per chi non lo sapesse all’alba dei tempi il mio nickname era Shoegal1985. Ho scelto 1985 perché a quei tempi ero estremamente giovane e ancora pensavo che scrivere l’anno di nascita fosse una cosa intelligente; inutile dire che oggi non lo rifarei. Shoegal, crasi tra shoe/scarpa e gal/girl/ragazza è una citazione aulica tratta dal telefilm “Sex And The City”: ricordate la puntata in cui Carrie per riconquistare Aidan decide di scrivergli una email? Per creare il suo account ha scelto proprio la parola Shoegal: ha un suono dolce, ha a che fare con le scarpe e nessuno sapeva cosa significasse perché nella versione italiana del telefilm non si è data enfasi a questo termine, quindi è diventato il mio nickname.

Quante scarpe hai?
Domandona da un milione di dollari! Non lo so, e non lo dico per tirarmela, non lo so davvero. Sono molte meno di quello che pensate, perché un anno fa ho fatto le pulizie di Pasqua e ho eliminato tutti i modelli più trash in mio possesso; ora preferisco la qualità alla quantità, quindi ne compro meno ma spendo il doppio. Sono veramente un genio.

Dove tieni le tue scarpe?In tre posti diversi, perché le cose facili mi annoiano! Ho un armadio in camera da letto in cui tengo i modelli più preziosi, così li controllo anche mentre dormo; ho poi altre due scarpiere a disposizione. Tengo tutte le scarpe nelle scatole originali, almeno per il momento, in futuro si vedrà!

Chi ti fa le foto per i post? Cerchi fotografi?
Solitamente chiedo ai passanti! Scherzo, scrivo sempre nei credits sotto le foto tutte le informazioni del caso, comunque ultimamente la mia fotografa ufficiale è Cristina, ma mi capita spesso di scattare le foto da sola (ridete: tacchi alti, cavalletto, macchina fotografica, il tutto in pubblico, a Roma! Solo per voi!). Per il momento non cerco fotografi, adoro le foto ma non mi sento a mio agio davanti all’obiettivo, quindi preferisco chiedere a persone che conosco e che mi conoscono. Prossimamente pubblicherò delle foto speciali che mi scatterà una vecchia amica, devo solo scegliere cosa indossare insieme alle mie Louboutin

Cosa pensi degli uomini che ti seguono?
Penso che abbiano gusto! Mi piace sapere che il blog ha un pubblico misto, non è per niente una cosa scontata, visto il taglio che ho scelto di dare ai post; spesso, soprattutto su Facebook, ricevo spunti interessanti proprio dai miei lettori uomini, è sempre interessante capire il loro punto di vista, spesso diametralmente opposto al nostro. Mi piacerebbe che commentassero più spesso perché adoro i post pieni di commenti stimolanti, ma sono tutti timidi!

20 thoughts on “Le chiacchiere del sabato: rispondo alle vostre domande

  1. Il tuo blog monotematico è un vero punto di riferimento per chi come me ama le scarpe… è piacevole come guardare le vetrine di scarpe dalla quale sono sempre rapita, in più ci sono tante informazioni e nozioni interessanti e utili. Infine mi piace lo scambio di opinioni che c’è con te e le tue followers! baci Elisabetta

  2. Seguo con passione il tuo Blog praticamente da sempre e non mi stancherei mai di leggerlo e rileggerlo. Si sente che è scritto con passione, traspare da ogni riga…
    Comunque hai ragione, i commenti maschili sono proprio pochi perciò prometto che da questo momento darò il mio contributo facendo meno il timido! 😛

    Ah, nonostante l’off-topic penso che questo sia uno dei post più belli di sempre!

    1. Sei un fedelissimo e fai il timido? Dai, non si può! Grazie per i complimenti, sono contenta che dopo tutto questo tempo la passione con cui scrivo si senta ancora!

  3. Sei una grande, Sara! Elisabetta ha colto nel segno definendo questo blog un importante punto di riferimento per le appassionate di scarpe. Ed io aggiungo che è anche un insostituibile punto di incontro nel quale scambiare giudizi e opinioni in materia. Il tutto con un contatto diretto con la bravissima blogger, che merita la nostra massima ammirazione non solo per il fiuto e la propensione alla ricerca attraverso cui sa scovare un’infinità di novità e di chicche ma anche per la capacità, appunto, di instaurare un rapporto amichevole con le sue followers. Non sono tanti i blog che possono vantarsi di questo valore aggiunto. Io ne leggo tanti, a volte intervengo, sono interessanti, ben fatti, ma forse troppo asettici, freddi. La blogger non dà risposte dirette ad ogni lettrice, e questo lo posso anche capire perché magari a volte i commenti sono 50, 60 e anche di più, e i commenti, a loro volta, sono telegrafici, scarni, deludenti, limitati a “Bello questo outfit. Baci”. Forse non è questa la finalità di un blog, ma io trovo piacevole e interessante che attorno ad un argomento o un oggetto, sia esso un abito o un cosmetico o una scarpa, si apra una discussione, un confronto. Qui si può fare, spesso si fa. Piace. A molte.
    Brava Sara, è una bella idea anche l’o.t. per il fine-settimana. Non mancheremo mai!
    Buon sabato, baci

    1. Grazie anche a te! Io sono contenta di avere pochi commenti perché sono esattamente quelli che voglio ricevere, meglio pochi ma interessanti e attenti che tanti privi di contenuti, per ottenere quelli basta dedicarsi per un’ora a commentare altri blog lasciando il proprio link; io preferisco occupare quel tempo a cercare belle scarpe per voi, così mi riempo gli occhi di belle immagini e vi intrattengo con 4-5 minuti di pace e bellezza!

  4. Tralascio i complimenti perché sai già quanto io adori il tuo blog. Da quando l’ho scoperto non ho mai perso un post e questo dice tutto.
    Io, però, ho subito una domanda…quali Pigalle possiedi? Sono il mio sogno ma non mi decido a prenderle! Hai il tacco 10 o 12? Io sarei per il tacco 12 laccate nere ma pare siano davvero difficilissime da portare. Che ne pensi? Mi dai un consiglio? Prima o poi me le regalo e aggiungo che per me Kate Moss le porta divinamente!

    1. Grazie!!
      Io tristemente non ho nemmeno un paio di Pigalle, ho due paia di Louboutin ma presto ne resterà uno solo perché vorrei vendere le N° privè, l’elastico sul tallone mi taglia la pelle e non mi sembra il caso di sanguinare in giro!
      Ho provato un paio di Pigalle tacco 10 ormai 5 anni fa (sigh), in un negozio qui a Roma che per molto tempo è stato l’unico rivenditore autorizzato, mi sono piaciute ma a quel tempo sognavo la follia del tacco 12!

      Lo scorso anno Louboutin ha modificato la forma delle sue Pigalle, quindi se le prendi nuove ti consiglio di provarle perché l’effetto potrebbe non piacerti; io stessa oggi prenderei le So Kate e non le nuove Pigalle, le ho viste in boutique un paio di settimane fa e non hanno niente del vecchio modello. Ne ho parlato in questo post, ho pubblicato anche una bellissima immagine sovrapposta creata da una ragazza che ha entrambi i modelli:
      http://www.zoomagazine-site.it/2015/01/doppio-compleanno-in-casa-christian-louboutin/

      Per quanto riguarda il tacco credo che il 12 sia sì scomodo, ma anche infinitamente più sensuale del 10, ma se già sai che non le metteresti mai prendi il 10 e fregatene! Ci pensavo l’altro giorno scrivendo il post sulle Blade, ormai sfidare la natura svettando su tacchi sempre più alti è diventato quasi un dovere per noi appassionate, io credo che invece un ritorno ad un certo rigor logico tipicamente maschile potrebbe salvarci: se le prendi per un’occasione speciale vai con il 12, altrimenti se vuoi godertele (e visto il prezzo mi sembra più che giusto) vai con il 10, è comunque splendido e ti assicuro che per sentirti come Kate Moss basta la suola rossa!

  5. Non posso che unirmi al coro, anche se in ritardo, di chi venera il tuo blog.
    Sai già, ma te lo ripeto, che seguendo te ho fatto passi da gigante in questo mondo, cosa che non mi era riuscita in oltre 30 anni, e che hai contribuito a migliorare le mie conoscenze, il mio gusto e la mia scarpiera…non potrei chiedere altro, continua così e grazie sempre per il tuo impegno e la tua passione!
    Buona giornata

  6. Shoegal è bella,stilosa,elegante e femminile.
    Sempre cortese con tutti, non ha mai avuto comportamenti tipici da web star.
    Sono pochi i blog in cui si tratta di scarpe con passione e competenza, ed il Suo è uno di questi.
    P.S. I <3 You!

  7. Ciao, min chiamo Stefano. Da ani seguo il tuo blog e mi piace tantissimo. Spesso prendo spunto per regalare a mia moglie scarpe o sandali.Ti prego di continuare così.
    ps.: faccio anche coming out come si dice e confesso che sono feticista… Ma speri che i miei commenti possano essere letti lo stesso.
    Buona giornata.

  8. L’altro giorno parlavo con un amica che non credeva che il piede, ovviamente con un bel sandalo, potesse avere tanto fascino per gli uomini. E non parlo solo di una certa categoria di uomini. Tu Sara hai mai fatto caso ai “nostri” sguardi? Hai mai pensato al piede come “arma di seduzione”?
    Scusate, ma avete detto di essere meno timidi…

      1. Beh alla fine mia moglie mi ha conquistato coi suoi piedi….e mi piacerebbe che più’ uomini rivelassero il loro feticismo e che voi donne ci vedeste non come casi clinici, ma come persone normali con un gusto particolare verso una parte bellissima del vostro corpo.

        1. Bè mi auguro che ti abbia conquistato anche con altro, oltre che con i piedi! 😉
          Purtroppo molti uomini tendono ad essere morbosi nei loro approcci, e questo spaventa molte donne; è un circolo vizioso che non finisce mai, è facile partire prevenute dopo anche una sola esperienza spiacevole, e questo vale per tutto, non solo per l’argomento in questione. Di feticismo si parla poco e raramente se ne parla come un valore aggiunto positivo, sempre a causa dei suddetti pregiudizi. Quindi sì, sono d’accordo con te, ci vorrebbe più naturalezza da parte di voi uomini e più apertura da parte di noi donne, ma non generalizziamo, siamo tutti diversi e abbiamo sensibilità diverse.
          Spesso ci si aspetta di essere capiti dalla prima che passa, e visto che parliamo comunque di una sfera intima della vita di una persona, mi sembra un po’ paradossale.

          1. Diciamo che i suoi piedi sono stati la goccia che ha fatto traboccare il vaso sul mio definitivo innamoramento. La mia speranza e’ solo quella che, alla classica domanda di cosa ti piace in una donna, non scattano sorrisi sarcastici alla risposta “i piedi”; che ovviamente non sono l’unica cosa, ma che danno un tocco di classe alla vostra sensualità e femminilità se poi vengono abbinati a dei bei sandali o belle scarpe, Ok, ho già disturbato abbastanza. Un saluto a tutti. E comunque da oggi hai un maschietto commentatore in più.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.