Il lato brutto dei sandali minimal

I sandali minimal sono di tendenza da ormai diverse stagioni, la frenesia da modello Nudist di Stuart Weitzman sembra essersi assopita anche se i suddetti appaiono sempre sui red carpet più importanti, per un motivo piuttosto ovvio: i sandali minimal si abbinano a tutto.
Ma proprio a tutto tutto!
Sono la soluzione ideale per non appesantire un outfit sfarzoso da tappeto rosso, ma si posso portare con facilità anche nella vita di tutti i giorni con i jeans, con gli abiti e con le gonne a tubo: l’ho detto io che sono versatili!
Ma come ogni capo di abbinamento che scopre tanta pelle bisogna saperli portare, perché i sandali minimal sono estremamente rivelatori e questo nude look non sta bene a tutti i piedi: ci preoccupiamo di indossare abiti che valorizzino la nostra figura, ma quando si tratta di scarpe noi donne spesso ci perdiamo e pur di conquistare l’ambito stiletto acquistiamo modelli per niente adatti alla forma delle nostre estremità.
Inutile dire che io sono colpevole del suddetto reato!
Non ho peccato con i sandali minimal perché mi hanno sempre fatto male, il listino sottile è uno strumento di tortura legalizzato per i miei piedi, ma in passato ho ceduto davanti a scarpe sbagliate per le mie estremità, e l’ho fatto più di una volta. E’ che quando sbaglio voglio proprio essere sicura.
Oggi voglio confessarti un segreto: nonostante quello che pensa chi mi segue online i miei piedi sono tutto tranne che perfetti, anzi, io li detesto e li trovo orribili! E’ per questo che dopo più di un decennio di shopping di scarpe oggi sono esattamente quali sono i modelli che li rendono apparentemente bellissimi, e i sandali minimal non fanno parte della mia selezione.

Se ti sembra folle che io abbia studiato i miei piedi per imparare a scegliere le scarpe giuste (non comode, sia mai) guarda le foto qui sotto: non sarebbe stato meglio se anche queste celebs avessero dedicato qualche minuto alla scelta dei loro sandali?!

sandali minimal
In questi scatti vedo scarpe bellissime calzate da estremità doloranti soffocate dal maledetto listino sottile dei sandali minimal.

La super top model Adriana Lima e l’attrice Kristin Cavallari, entrambe costrette in due diversi modelli Giuseppe Zanotti Design, riescono a rimanere bellissime nonostante la sofferenza, io non ho questa fortuna.

adriana-lima-2017-met-gala-
kris

Il lato brutto dei sandali minimal è proprio questo, e sta nella difficoltà di trovare un modello che nonostante le forme essenziali riesca a trattenere il piede vestendolo nel modo giusto.

Mi viene quasi da dire che i sandali minimal sono come l’intimo, una volta che trovi il brand giusto non lo lasci più, ma il percorso di ricerca può essere molto fastidioso.
Hai un’amica che sceglie sempre le scarpe sbagliate e finisce le serate scalza nei locali? Condivi con lei questo post, non si sentirà sola!

Leggi anche: Cambio di stagione delle scarpe – 6 consigli per mantenerle al top!

9 thoughts on “Il lato brutto dei sandali minimal

  1. Io sono quella delle scarpe chiuse forever quindi già sai cosa penso di questi sandali, per me non sono nemmeno scarpe, li trovo poco fini tanto per parafrasare il tuo paragone con l’intimo li vedo come il perizoma a filo in spiaggia. Sì può dire?!

  2. Io ho un problema con le infradito “minimal” ultra flat: il mio piede sembra enorme e le dita orribili. Con i sandali non ho lo stesso effetto.

  3. Ciao Sara !!!! Anche io ho questo problema, adoro questo tipo di sandalo soprattutto quelli che hanno proprio due laccetti a filo sulle dita e sulla caviglia… li sogno, li bramo ma addosso mi stanno malissimo e soffro molto per questo!! Nonostante ciò, quest’estate per il matrimonio della mia migliore amica forse li acquisterò… mi sentirò forse nuda e poco a mio agio ma mi piacciono così tanto che devo provarci !!!!!!!!! 🙂 un bacio !!!!!

  4. Parole sante!!!
    Purtroppo l’autoconsapevolezza è molto assente in tante menti femminili (anche maschili eh) e si assistono a cose poco carine da vedere. Anche io ho un “difetto” che mi limita l’utilizzo della grande varietà di calzature esistente su questo pianeta. Ho un problema di pigmentazione e qualsiasi sandalo o scarpa chiusa che lasci scoperto il tallone mi provoca forte disagio. -.-” Dannazione!

    Love&Studs

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.