Gianni Marra: intervista e novità

Qualche giorno fa ho pubblicato un video in cui mostravo un nuovo paio di sandali “Gianni Marra” e alcune di voi mi hanno chiesto informazioni sul sito e sul brand. Oggi finalmente posso pubblicare l’intervista che avevo preparato per voi, ne approfitto anche per informarvi che al momento il sito web di Gianni Marra non è disponibile, ma potete seguire le novità direttamente  dalla pagina Facebook ufficiale; sabato 15 giugno è stato inaugurato il primo negozio monomarca Gianna Marra, se siete in Campania vi consiglio di farsi un salto, si trova a Marano di Napoli (Via Umberto Migliaccio).

Ma ora vi lascio all’intervista, corredata di un paio di mie foto in cui indosso scarpe Gianni Marra; nei prossimi giorni arriverà un articolo dedicato solo alle immagini dei sandali bicolori, intanto ringrazio ancora Salvatore Marra per la disponibilità e la cortesia, e vi auguro una buona settimana, l’inizio promette bene, non trovate?

Chi c’è dietro il marchio Gianni Marra? 

Il marchio “Gianni Marra” è nato del 2008, ma la fabbrica vanta un’esperienza di oltre trent’anni nel settore. Un’azienda che segue i passi di ogni donna lungo il sentiero della moda. È una realtà specializzata nella creazione e produzione di calzature per la donna, lavorate con cura artigianale e passione per l’innovazione. La scelta delle materie prime è alla base della produzione, infatti, ricerchiamo attentamente i pellami studiandone le caratteristiche che possano esaltare il design dei modelli. Dal tacco alla tomaia, le calzature Gianni Marra sono il frutto della completa armonia tra la creatività e la tecnologia. Inoltre, l’impiego della manodopera specializzata assicura alle consumatrici il massimo della qualità che brilla nella cura dei particolari. La produzione di una scarpa è scandita da numerose fasi di lavorazione e durante ognuna di esse eseguiamo un controllo approfondito, perché lo stile non lascia nulla al caso.

Cosa influenza lo sviluppo di una collezione?

I nostri modelli nascono dal costante studio del mercato. Conoscere i desideri e le necessità delle consumatrici è essenziale per la creazione di una collezione che ne soddisfi le principali esigenze: indossare una scarpa comoda e di tendenza. Il passo successivo è costituito dal magico momento in cui la creatività dello stilista si unisce alla raffinatezza dell’italian-style e alla sensibilità nella scelta dei colori che rendono uniche e riconoscibili le nostre calzature.

Le  proposte per la  stagione estiva sono coloratissime e molto alte, qual è l’ideale di donna che le ha ispirate?

Tutte e nessuna. Quando si fa questo lavoro, il punto di partenza deve essere “pensare alla necessità di una donna”; immaginarla mentre cammina sui suoi tacchi alti (magari per andare al lavoro), ma anche con dei semplici sandali, arricchiti da qualche bell’accessorio e/o da un particolare dettaglio. Una donna dinamica ma, al tempo stesso, attenta al particolare. Come detto prima, è essenziale conoscere i desideri e le necessità. La donna di oggi, dinamica e intraprendente, necessita di scarpe che ne favorisca “la mobilità” e che, contemporaneamente, ne soddisfi il desiderio di tendenza. Anche perché, al giorno d’oggi le donne non sono più tanto “schiave” della moda, sanno quello che vogliono e decidono come vestirsi e che scarpe indossare in base ad un loro personale gusto. Le nostre ricerche di mercato ci aiutano a capire e a soddisfare questi bisogni.

Le scarpe per noi donne sono un feticcio irrinunciabile, simbolo di femminilità, perché secondo voi spesso sono più bravi gli uomini a disegnarle e capire le nostre esigenze (in ambito di tacchi alti)?

Questa è davvero una domanda difficile a cui dare una risposta. Cosa dire: disegnare le scarpe è stata sempre una passione. Il piacere di costruire un qualcosa partendo da una idea e che a poco a poco si evolve, diventando una collezione. Il motivo, forse, è che per un uomo risulta più semplice immaginare una donna mentre indossa il paio di scarpe che intende creare. Riesce a figurarsi lo slancio che le può dare un tacco alto, ne riesce meglio ad immaginare la camminata, più o meno sensuale. L’uomo è consapevole di questo e alla donna piace. La scarpa cambia il look e riesce a far sentire belle. Chi meglio di un uomo può realizzarla?

Come ci si adegua ai continui cambiamenti che il mondo della moda impone?

Il cambiamento è un’esigenza naturale per chi vive la moda come un impulso a rinnovarsi attraverso uno stile. Ogni nuova collezione rappresenta un modo diverso di percepire il fascino e l’eleganza. Le consumatrici sono sempre più attente ed esigenti e chiedono più creatività alle aziende che cercano di distinguersi attraverso i dettagli. Oggi, un paio di scarpe esprime l’essenza dell’outfit perché attraverso lo stile dà carattere all’idea di se stessa che ogni donna vuole indossare. Sempre diversa eppure uguale al desiderio di sentirsi unica.

sandali gianni marra scarpe nere bianco tacco altissimo

Foto: Alessio Di Silvestro

Scarpe: Gianni Marra

Smalto: Kiko 289

Calze: Calzedonia P/E 2012

20 thoughts on “Gianni Marra: intervista e novità

  1. Quello che ho scritto nel post di Luise lo ripeto pure qua, i post così, diversi dimostrano quanto vali e quanto meriteresti un successone spaventoso e poi complimenti per le foto, i sandali sono faighi ma tu li porti divinamente!!! E prima che qualcuno lo chieda sono una donna non un feticista però i complimenti devo farteli cavolo, certe tue colleghe mettono foto oscene quindi va detto ecco 😀

  2. Questa estate saro’ a napoli e qualcosa mi dice che passero’ a trovarlo,ancora sogno le spuntate grigie che hai preso tu magari c’e’ una scarpa simile!brava anche per l’intervista!!

  3. be gia ti adoravo in tutto e per tutto ma davvero 6 sorprendente posi da supermodella e intervisti gli esseri umani da dio e poi trovo molto graziose le decolte e  i sandali sono eleganti ma hanno un gusto eccentrico e particolaree che ne da il tocco giusto .

     

    UN BACIO FORTISSIMO E A PRESTO

      1. Desidererei avere questi sandali bianco/nero ho chiesto so che è vecchia collezione
        Il mio N. E 38 vanno bene anche usate mi aiuti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.