Casadei sbarca a Roma in grande stile

E noi c’eravamo! Noi chi? Le dirette interessate si paleseranno nei commenti, ne sono certa; ne approfitto per ringraziarle ancora una volta per la piacevole serata, è bellissimo condividere certe esperienze con delle persone che ti capiscono e provano le stesse emozioni guardano quella che NON è solo una scarpa molto costosa, è un sogno, nato dal talento e dalla più profonda dedizione.

Ma torniamo a noi: non ho scattato foto (tranne un paio, che vedrete prossimamente nel blog di Cristina) perché ho preferito godermi la serata fino all’ultimo secondo, e anche per non sembrare la pazza emotiva che sono davanti a così tanta gente 😉

La boutique sorge su Piazza di Spagna, una location ovviamente splendida; a colpire subito è la luce: tanta, calda e accogliente, capace di illuminare ogni scarpa al meglio, mettendo in risalto i cristalli Swarovsky, le lucentezza del raso, i tacchi assassini. La collezione A/I 2011/2012 era lì, in tutto il suo splendore, trovo meravigliose le decolletè in raso colorato, i modelli dedicati a Mondrian di cui abbiamo già parlato, le decolletè ricoperte di cristalli intarsiati nella pelle… un’emozione dopo l’altra!

Ma non sono state le scarpe (e lo champagne!) a rendere fantastica questa piccola parentesi della mia giornata, ma la compagnia, allietata anche dalla presenta del mio Signor Antonio, direttore della boutique: è stato un piacere ritrovarlo in questa nuova location, ma soprattutto è stato stimolante capire quanto davvero ami il brand, le sue proposte e il suo stile. Uno stile seducente ma mai sopra le righe, come piace a me, e a voi, ne sono sicura.

Vi farò una piccola confessione: parlare con persone così appassionate non mi fa solo sentire meglio, ma mi ispira a fare meglio anche al lavoro, bisogna far innamorare i clienti del prodotto, farlo conoscere, non basta più presentarlo con eleganza e classe: bisogna, per primi, apprezzarlo, e non è sempre facile.

17 thoughts on “Casadei sbarca a Roma in grande stile

  1. Sono io che ti devo ringraziare per avermi permesso di partecipare ad un evento così importante e di conoscere il Sig. Antonio (una persona davvero adorabile e soprattutto molto preparata e… molto fortunata!), ma soprattutto grazie a te e al tuo blog siamo riuscite a conoscerci…finalmente ho trovato qualcuno che condivide la mia stessa passione e sa benissimo quello che si prova! 🙂

  2. Ma grazie a te, Shoe, di cuore! Senza di te, tutto ciò non sarebbe stato possibile e per noi sarebbe rimasto inaccessibile. Ma soprattutto grazie di cuore a te e a Laim (santa donne che mi sopportate!) per la splendida compagnia anche da parte di Giulia, sono felice di condividere con voi la passione per queste opere d’arte, finalmente non mi sento più sola! ç____ç
    E vogliamo parlare del signor Antonio? Che persona squisita, che gentleman! *_* E che passione mette nel suo lavoro, ah, se fossero tutti come lui! *.*
    Attendo con ansia le foto che hai scattato! *ç*

  3. il tacco e l’unione con la suola dell’ultimo è un qualcosa di eccezionale
    nel caso ci fosse un contest “Miglio tacco 2011″….. il mio voto sarebbe per questo

    shoe perdona il post doppio ma mi ero dimenticato di scrivere le credenziali

  4. Lorenzo, io trovo sia un design bellissimo quello di questa punta, anche se bassa, conferisce “serietà” e compostezza anche ad un modello davvero estremo, per altezza, come il modello proposto!

  5. shoe, purtroppo non è un bel periodo per me, quindi tante cose il mio cervello non le registra proprio..ma ti scrivo in pvt..

  6. Queste deco dal vivo rendono ancora di più, ma le trovo estreme, troppo, personalmente non le metterei, Sembra paradossale ma lo stivale è più mettibile, nonostante segua le forme della deco, quindi bella punta e tacco assassino!
    Vanessa ok attendo news, intanto un abbraccio virtuale!

  7. Pingback: Le Decolletè Blade di Casadei fanno impazzire le star « Shoeplay
  8. Pingback: Dopo le decolletè il tacco Blade spunta anche sui sandali « Shoeplay

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.